Racconti nella Rete®

Premio letterario Racconti nella Rete – XIV edizione 2015
Partecipa al concorso RACCONTI NELLA RETE              


"Racconti nella Rete" archivio partecipanti edizione 2015



Premio Racconti nella Rete 2015

Premio Racconti nella Rete 2015 “Sogni appesi a un filo” di Carolina Marangio»
FacebookTwitterCondividi

Phil scese giù in strada subito dopo aver fatto colazione. La mattina era la parte della giornata che Phil preferiva in assoluto: gli uccelli canterini, il sole tra le fronde degli alberi, le macchine veloci nel traffico e le piazze che si riempiono a poco a poco, finché non sono gremite di gente che vive […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Acqua” di Carolina Marangio»

Nemmeno questo aiuta. Nemmeno farsi baciare il collo. Nemmeno un paio di mani calde tra le cosce fresche. Nemmeno il dolore di un ago che ti si infila nella pelle e ti tatua e ti disegna per sempre l’epidermide. Nemmeno il brivido di una corsa in moto, coi chilometri che corrono e il vento in […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “La sposa triste” di Carolina Marangio»

Stava per arrivare. Lo aspettava con ansia. Terzo appuntamento. Che emozione! Era incredibile. Beth lo sentiva, perfettamente. Era lui quello adatto a lei, era lui che lei cercava da una vita. Sarebbe stato lui quello che Beth avrebbe sposato? Sì, certamente, lui era quello giusto. Anche questo Beth lo sapeva. Se lo sentiva. Danny lavorava […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Una valigia di sogni” di Francesco Palumbo»

Luca desidera rompere gli schemi di una vita, la sua vissuta fino a quel momento, che gli sembra costruita a tavolino. Soffoca, nella sua giacca e cravatta. Ogni mattina lo stesso senso di ansia e nausea lo assale. La caoticità della città di Roma, il rumore incessante e nevrotico dei clacson, il caldo afoso che […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Festa” di Carlo Brugnone»

C’era una luce diversa nei suoi occhi, un’altra angolazione nello sguardo. Le sue parole avevano un suono nuovo, anche i suoi silenzi erano nuovi. Si muoveva in un modo insolito, e insoliti erano anche i suoi tempi di reazione: adesso erano più rapidi, più solleciti, quasi tesi ad anticipare il desiderio dell’interlocutore. Inedito era anche […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Tre Volte” di Daniela Grandinetti»

Io non mi voglio bene. Io non voglio bene a me. A me non voglio bene. Faccio schifo a me stesso. Non sono pazzo. Pazzo? No. Non sono affatto pazzo. È difficile pensare per tre volte la stessa cosa, però il dottore ha detto ci devo provare. Mi farà bene. Farà bene a me. A […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Il ragazzo del mandorlo in fiore” di Daniela Grandinetti»

I suoi vent’anni erano trascorsi in quel giardino, scritti sui jeans logori e rammendati che indossava tutti i giorni ormai da cinque anni. La tela aveva i segni delle macchie lasciate dalle piante, dai fiori, dalla torba e dai concimi, c’avevano disegnato sopra una mappa dei piaceri che avevano segnato il suo tempo. Fin da […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Spazi bianchi” di Sharon Galano»

L’aria nello studio era pregna dell’odore di un mezzo sigaro che fumava nel posacenere al lato dell’Olivetti. Sulla scrivania erano disposti con cura meticolosa uno stetoscopio e un ricettario, formando un angolo retto attorno ai fogli bianchi dello scrittoio. Sul primo foglio era stata scritta solo una frase: Cose da ricordare. L’afa impediva alla brezza […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Hansel e Gretel” di Celeste Bittoni»

Ho scoperto che mi piace prendermi cura di me. Ti ho vista titubante, come avessi avuto paura di chiedere aiuto, cosa temevi? Sembra sempre tutto così bello, perfetto, poi arriva un giorno in cui tutto crolla per un errore, un bacio negato o uno sminuito, una smorfia, un soffio di vento. Avevo una casina isolata […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Vita in Campagna” di Tommaso Fagotto»

Per un poco andai a vivere in campagna. Mi serviva una pausa, la città a lungo andare ti rovina. Evadere, a distanza d’anni, mantenne la mia lucidità quasi intatta. Mi trasferii in una piccola casa, disfata. L’affitto, non costava proprio. Cominciai coll’adagiare una coperta a terra, preparando il mio giaciglio alla meglio. Poi andai in […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Goldraake!” di Navid Carucci»

Da bambino, ero convinto che un giorno o l’altro Goldrake sarebbe atterrato in città. O se non lui, un altro personaggio dei cartoni animati, non per forza un robot. Certi miei amici sostenevano che Goldrake avrebbe difficilmente lasciato il Giappone, per via della fattoria. Era più probabile che scendessero robot spaziali come il Trider G7 […]


Commenti assenti
Premio Racconti nella Rete 2015 “Un giorno sotto al porticato” di Ottavio Mirra»

‘O cecato tiene il posto all’angolo dove via Toledo si affaccia su Piazza Dante. Tutte le mattine alle 7,00 è giù in strada, affretta il passo e addenta una pizzetta. Da Poggioreale deve arrivare al punto di raccolta che è in Piazza Garibaldi. E’ lì che stanno gli altri ad aspettare il furgone che ogni […]


Commenti assenti



"Racconti per Corti" archivio partecipanti edizione 2015



Premio Racconti per Corti 2015

Premio Racconti per Corti 2015 “A lezione di bustarelle” di Giorgio Leone»

Un giovane nervoso cammina con una borsa in mano, sale una scala e si ferma davanti alla porta di un funzionario pubblico, la n. 17 bis. Esita, poi si fa coraggio e bussa. «Avanti» e lui entra. Seduto alla scrivania, ingombra di pratiche, c’è un uomo che gli chiede chi sia. «Sono qui per la […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Amore e psiche” di Giorgio Leone»

Un ultrasessantenne entra nello studio di uno psicoterapeuta e dice alla segretaria di voler fare una seduta. Ci sarà posto solo fra un paio d’anni, risponde lei. Ma non ha ricevuto una telefonata dalla signora Velia? Al che lei si scusa e gli dice che un posto per lui c’è sempre. Anche adesso? Ma certo! […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Psicologi si nasce” di Giorgio Leone»

Stanza da letto di mattina. Lei, molto bella, si alza, sbadiglia e va in bagno portandosi i vestiti mentre lui rimane a dormire. Dopo un po’ squilla un cellulare e lui risponde. «Ma non ci può andare qualcun altro? E poi non sembra mica roba mia. Va bene, vado appena posso.» Comincia a vestirsi e lei […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “La carie” di Lyudmyla Kharchenko»

Roma, tempi moderni, inverno. Nel buio di una camera da letto Beatrice, una studentessa di venti anni, pallida e senza curve, non riesce più a dormire e si rigira nel letto. La ragazza, con una smorfia di dolore, si siede nel letto e con prudenza tocca la guancia sinistra. Il dente cariato ora si fa […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Sfaccettature” di Carolina Marangio»

Giorno 14. Oggi l’ho lasciata, finalmente. Ci siamo visti in centro, vicino la piazza. Ci siamo riparati sotto gli archi e appoggiati al muro della gelateria, seduti nel muretto le ho detto tutto quello che le dovevo dire. Le ho detto di ciò che è successo domeniche fa, che mi ha dato fastidio ma ci […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “All’Inferno si va vestiti eleganti”, di Giulia Orati»

La vicenda qui narrata racconta la terribile avventura di una donna che entra casualmente in un negozio d’abbigliamento. Il negozio si chiama “L’Ottavo Girone”, riferendosi al Girone dell’Inferno Dantesco, ospitante coloro che usano la malizia in modo fraudolento: ruffiani e seduttori, adulatori e lusingatori, ipocriti. Oltre a ciò, il negozio si rivela essere piuttosto insolito: […]


3 Commenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Proiezioni dal futuro” di Giovanni Paci»

Un raggio di luce illumina il volto scarno del ragazzo. I suoi occhi appaiono provati dal forte riverbero del sole. Si strofina la faccia tentando di scacciare il torpore notturno, e con fatica, si alza da un logoro divano. Indossa una polo, un paio di jeans e scarpe da ginnastica. La mano scheletrica passa tra i […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Due imperfetti suicidi” di Giulia Orati»

La scena si apre con l’interno di uno studio. Uno psicologo, il signor Bernardis, si sta per suicidare. Improvvisamente, però, la segretaria – tramite telefono – gli fa presente che c’è un paziente che chiede di lui. Bernardis, allora, mette momentaneamente da parte la pistola con cui ha intenzione di togliersi la vita, pensando che, […]


2 Commenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Katy Byron” di Giuseppe Spampinato»

Un cagnolino di peluche, al quale sono state applicate delle rotelle, viene portato al guinzaglio da una ragazza. È Katia Baroni, ventenne bionda e di bell’aspetto, che indossa gli ultimi vestiti alla moda e un paio di occhiali da sole molto appariscenti, cerca di attirare l’attenzione dei passanti con sorrisi e movimenti ondulatori, accompagnati da […]


6 Commenti
Premio Racconti per Corti 2015 “L’insopportabile ostaggio”, di Giulia Orati»

Una rapina all’ufficio postale. Una rapina che, disgraziatamente per il malvivente, sta andando male: la polizia è giunta già sul posto e lui non ha fatto in tempo a uscire. Per questo l’unica soluzione possibile, al momento, è prendere in ostaggio un povero vecchietto e chiudersi con lui in una stanza. L’insopportabile ostaggio Nella stanza […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Il ladro” di Giuseppe Viola»

Nico si trova all’esterno della villa di un ricco industriale della zona, e sta attendendo che anche il vigilante si  addormenti per entrare in azione. Dopo un po’ di attesa riesce ad entrare nel giardino, lo attraversa ed arriva sull’uscio della porta, la apre ed entra nella casa lasciandola semiaperta. Molto lentamente disattiva gli allarmi […]


Commenti assenti
Premio Racconti per Corti 2015 “Morti Apparenti” di Giuseppe Viola»

Lucca 2011. È mattina e Sandro 50 anni, dorme nel suo letto quando sente il suono di una campanella, nell’ altra stanza la mamma di Sandro, 80 anni malata, immobile nel letto agita la campana che sveglia Sandro il quale accorre scalzo dalla mamma. A gesti la signora fa capire al figlio di aver fame, […]


Commenti assenti