Racconti nella Rete®

Premio letterario Racconti nella Rete – XVIII edizione 2019

Venerdì 20 settembre LuccAutori Ragazzi alla Biblioteca Agorà

Categoria: Comunicato Stampa, In evidenza, News

Venerdì 20 Settembre 

Ore 9 Auditorium Biblioteca Agorà

LUCCAUTORI RAGAZZI  con Laura Orsolini e Annalisa Strada.

Prende il via con una giornata interamente dedicata ai ragazzi, la 25^ edizione del festival LuccAutori – Premio Racconti nella Rete.

Ecco il programma della giornata in programma presso la Biblioteca civica Agorà, in piazza dei Servi a Lucca.

Auditorium – Dalle 9 alle 10.30 Laura Orsolini incontra tre classi quinte della scuola primaria Carducci e parla di “Cloud, storia di un capitano peloso” (La Memoria del Mondo). Segue il laboratorio creativo “Crea il tuo capitano peloso”.  A seguire, fino alle 12, Laura Orsolini incontra tre classi seconde della scuola primaria e parla di  “Agente Speciale Biscia Dorata, avventure in pineta” (La Memoria del Mondo).  Segue laboratorio creativo “Crea il tuo agente speciale”.  

Laura Orsolini è scrittrice, libraia, consulente editoriale. Ha al suo attivo sette pubblicazioni per ragazzi e per adulti. Dirige i corsi di teatro e scrittura del Gazzetta Summer Camp – La Gazzetta dello Sport.

————————————

Sala corsi – Dalle 9 alle 12 Annalisa Strada incontra i ragazzi della scuola secondaria di primo  grado. Parlerà di “Io, Emanuela” agente della scorta di Paolo Borsellino (Einaudi Ragazzi).  A seguire,  un approfondimento sul periodo storico e sul tema della mafia in Italia.

Annalisa Strada è scrittrice e consulente editoriale, docente di italiano alla scuola secondaria di primo grado. Ha al suo attivo più di cento pubblicazioni con i più grandi editori italiani e stranieri, ed ha vinto moltissimi premi per la narrativa ragazzi.

“Io, Emanuela – Agente della scorta di Paolo Borsellino”  ANNALISA STRADA (Einaudi)

Il 1992 fu un anno di grandi cambiamenti per l’Italia e venne segnato in particolare da due clamorosi attentati di mafia avvenuti a Palermo: il 23 maggio, a Capaci, moriva il giudice Giovanni Falcone e cinquantasette giorni più tardi, il 19 luglio, il suo collega Paolo Borsellino perdeva la vita in via D’Amelio. Falcone e Borsellino furono e sono due uomini simbolo della legalità, ma non morirono solo loro: entrambi gli attentati provocarono la morte degli agenti di scorta e il ferimento di cittadini. Gli agenti furono e restano vittime meno famose.

Avevano vite normali, tranquille, votate a un servizio di primaria importanza. Per abitudine si dice «uomini della scorta» ma nel caso di Borsellino, l’uomo considerato un bersaglio vivente, certo sarebbe più giusto parlare di «uomini e donne della scorta». In via D’Amelio, infatti, venne dilaniata anche Emanuela Loi, che si aggiudicò il triste primato di «prima donna agente di polizia morta in servizio». Aveva 24 anni, un fidanzato, una famiglia unitissima e una volontà di ferro. Era entrata in polizia spinta dalla sua determinazione. Una carica di esplosivo ha fermato il suo sogno.

Questa è la storia degli ultimi mesi della sua vita. Emanuela Loi ha ricevuto la medaglia d’oro al valore civile. Un romanzo appassionato, nato da una dettagliata ricerca di fonti per raccontare ai più giovani una pagina intensa e drammatica della nostra storia.

————————-

Gli incontri condotti da Laura Orsolini e Annalisa Strada saranno  introdotti da Demetrio Brandi, presidente di LuccAutori e Premio letterario Racconti nella Rete

Lascia un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento.